Chaco argentino

Antropocosmos ha avviato nel mese di giugno 2014 due progetti di ricerca e cooperazione presso le comunità Qom del Chaco argentino: Visioni Qom, a cura di Chiara Carraro; Arti e mestieri nel Chaco argentino, a cura di Francesca Rindone (Bando Unicoo).

Entrambi i progetti intendono applicare la prospettiva di ricerca antropologica a sostegno delle azioni di resistenza e auto organizzazione delle comunità con cui Antropocosmos è in contatto, principalmente il Movimiento Qompi Voque Naqockta di Miraflores, in provincia di Chaco; la Comunità La Primavera Potae Napocna Navogoh, in provincia di Formosa.

 I QOM

Le comunità coinvolte nel progetto appartengono alla popolazione qom, anche conosciuta come toba, che vivono nel nord-est dell’Argentina, nelle province di Chaco e Formosa, e in Paraguay, assieme ad altre popolazioni indigene, come i wichi, i pilagá e i nibaklé. I Qom sono riconosciuti dalla costituzione argentina come popoli originari preesistenti allo Stato Nazionale.

Le popolazioni qom vivono prevalentemente in zone rurali e in piccoli centri abitazionali, detti parajes, che non compaiono nelle carte geografiche e nell’organizzazione territoriale amministrativa. Sono in maggioranza carenti di servizi e infrastrutture fondamentali come abitazioni degne, elettricità, acqua potabile e servizi sociosanitari. Il territorio rivendicato dai qom e storicamente abitato da essi, si estende tra le province di Chaco e Formosa arrivando in Paraguay, ma da molto tempo è occupato e privatizzato da monopoli nazionali e stranieri. La situazione di grave vulnerabilità sociale, nonché di invisibilità internazionale e di denigrazione locale, colpisce soprattutto le fasce più deboli: bambini, donne e adolescenti.

Negli ultimi anni, in seguito alle politiche neoliberali passate e attuali, le comunità assistono all’aumento dello sfruttamento delle ricchezze del suolo da parte di ditte nazionali e transnazionali, assieme all’usurpazione delle terre, la deforestazione, la mancanza di acqua potabile. È da sottolineare anche che la situazione di forte disagio socioeconomico in cui vivono, ha spinto molti qom a migrare verso altre province e città argentine, principalmente Rosario e Buenos Aires.

Per far fronte a questo panorama critico, le comunità si organizzano in movimenti rivendicativi autoroganizzati e in circuiti di cooperative di lavoro, attuando strategie di resistenza potenzialmente trasformatrici delle relazioni stato-comunità storicamente dominanti nella regione. Sono queste esperienze di resistenza che i progetti promossi da Antropocosmos guardano e vogliono sostenere.

VISITA I PROGETTI

arti e mestieri

logoVQ

2 thoughts on “Chaco argentino

  1. Non ci posso credere!! Le foto che avete pubblicato in questa sezione ritraggono i membri di una famiglia presso la quale ho soggiornato per alcuni giorni quando sono stata a Miraflores per fare le interviste ad alcuni maestri durante il mio viaggio-studio-tesi. Mi si riempe il cuore a vedere le vostre immagini.
    Che coincidenze inaspettate.
    Un caro saluto
    Alice

    • Cara Alice, grazie per averci scritto! Ci fa piacere che il nostro lavoro faccia vibrare il tessuto dei tuoi ricordi e anzi ci interessa molto sapere di più del tuo viaggio-studio!Se avrai voglia di condividere con noi le tue esperienze puoi contattarci attraverso i canali che trovi indicati nella sezione “Contact” oppure puoi inviarci un elaborato seguendo le istruzioni della sezione “Papers”. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *